furcht kawai

Roberto Cominati

Acustico

Vincitore del primo premio al concorso internazionale “Alfredo Casella” di Napoli nel 1991, nel 1993 si è imposto all'attenzione della critica e delle maggiori istituzioni concertistiche europee grazie al primo premio al concorso “Ferruccio Busoni” di Bolzano. Nel 1999 ha ottenuto il prix Jacques Stehman del pubblico della RTBF e della TV5 France, nell'ambito del Councours Reîne Elisabeth di Bruxelles.

Ospite delle più importanti società concertistiche italiane e di istituzioni quali il Teatro alla Scala di Milano, il Comunale di Bologna, La Fenice di Venezia, il maggio musicale fiorentino, il San Carlo di Napoli, gli Amici della musica di Perugia, il Carlo Felice di Genova, l'Accademia di Santa Cecilia di Roma, l'orchestra  sinfonica nazionale della RAI, l'Accademia Chigiana di Siena, il Festival Brescia e Bergamo, le settimane musicali di Stresa e il Festival dei Due Mondi di Spoleto. Ha suonato al Theatre Chatelet di Parigi, Kennedy Center di Washington, Concertgebouw di Amsterdam, Sydney Opera House, Melbourne Concert Hall, Festival di Salisburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Teatro Municipal di San Paolo, Gasteig di Monaco, Konzerthaus di Berlino, Staatsoper di Amburgo, Staasoper di Dresda, La Monnaie di Bruxelles e ancora in Inghilterra, Giappone, Belgio, Olanda, Finlandia collaborando con celebri direttori fra i quali sir Simon Rattle, Andrey Boreyko, Leon Fleischer, Daniel Harding, Yuri Ahronovitch, David Robertson, Michael Pletnev, Aleksander Lazarev.

Qualcosa su Kawai

Amo i Pianoforti Kawai, perche' mi danno la possibilita' di poter ottenere il suono che voglio

 

Roberto Cominati